Camerun: la Deutsche Bank sotto accusa per greenwashing

di Valentina Milani
Tempo di lettura stimato: 2 minuti

È al centro di polemiche il prestito della banca tedesca Deutsche Bank alla Halcyon Agri,  gigante mondiale della gomma naturale con sede a Singapore, per lo sfruttamento di piantagioni di alberi da caucciù in Camerun.

L’ong Greenpeace chiede infatti all’istituto finanziario di rinunciare al prestito alla Sudcam Hevea, la filiale camerunese del gruppo Halcyon Agri, accusata di devastare il patrimonio naturale e di sconvolgere gli equilibri degli autoctoni. Secondo Greenpeace, la Deutsche Bank ha infranto la promessa di non finanziare consapevolmente attività all’interno o nelle vicinanze di un sito Patrimonio dell’Umanità. Gli ambientalisti ritengono Sudcam Hevea responsabile del disboscamento di 10.000 ettari – circa le dimensioni della città di Parigi – tra il 2011 e il 2018. L’azienda possiede una concessione forestale di 100.000 ettari, ed è accusata di minacciare anche la biodiversità della riserva naturale di Dja, un sito incluso nella lista del patrimonio mondiale dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’educazione, la scienza e la cultura, situata a 1 km dalle piantagioni.

Nel luglio 2020, la Deutsche Bank ha annunciato “un nuovo prestito innovativo” di 25 milioni di dollari ad Halcyon Agri, attraverso la sua controllata Corrie MacColl, per finanziare gli investimenti per le sue piantagioni in Camerun e Malesia, promettendo “un nuovo standard per l’industria della gomma”. “Questa azienda (la Sudcam/Halcyon Agri) non merita di ricevere alcun prestito, soprattutto non sotto l’etichetta di sostenibilità, perché le pratiche sul campo non hanno nulla a che fare con la sostenibilità”, ha affermato Irene Wabiwa Betoko della sezione Africa dell’organizzazione internazionale per la salvaguardia dell’ambiente.

“La Deutsche Bank deve annullare immediatamente il suo prestito tossico”, ha dichiarato Christoph Thies, esponente di Greenpeace Germania e attivista per il clima. “Se l’ambizioso obiettivo della banca di spendere 200 miliardi di euro per la sostenibilità entro il 2025 significa sponsorizzare gli abusi dei diritti umani e la distruzione delle foreste, la Germania e l’Unione Europea devono rispondere con una regolamentazione più rigorosa”, ha aggiunto Thies.

Secondo Ranece Jovial Ndjeudja, responsabile della campagna di Greenpeace Africa in Camerun, la Sudcam ha cacciato i popoli indigeni Baka dalle loro terre ancestrali, senza il minimo tentativo di ottenere il loro consenso libero, preventivo e informato. “Travestire il suo prestito come sostenibile è un caso da manuale di greenwashing ”, ha affermato, riferendosi al sostegno della banca tedesca.

Nell’ultimo rapporto sul landgrabbing della Focsiv, uscito lo scorso autunno, emergono coinvolgimenti diretti da parte di istituti finanziari in attività collegate all’accaparramento delle terre e ai suoi impatti negativi. Quattro importanti banche europee di sviluppo – Deg tedesca, Biobelga, Fmo olandese e Cdc Group inglese – hanno investito milioni di euro nelle attività della Feronia Inc., una società congolese quotata alla Borsa canadese. La Feronia Inc. e la sua controllata Plantations et Huileries du Congo sono  la più grande azienda agricola della Repubblica Democratica del Congo e lavorano in tre piantagioni di palma da olio su oltre 100.000 ettari nel nord del paese. Secondo Human Rights Watch (Hrw), la società non rispetta i diritti dei lavoratori e delle comunità nelle piantagioni, poiché più di 200 lavoratori sono esposti quotidianamente a pesticidi considerati pericolosi e cancerogeni dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, e molti di loro lavorano per meno di 1,50 dollari al giorno.

Condividi

Altre letture correlate: