Togo, arrestati oppositori e attivisti

di Marco Trovato
Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

Due leader dell’opposizione togolese sono trattenuti dalle autorità dopo essere stati arrestati nel fine settimana. Brigitte Adjamagbo-Johnson, nella foto, che nel 2010 è stata la prima donna nel Paese a candidarsi alla presidenza, è stata arrestata sabato poco dopo aver visitato un membro dell’opposizione che era stato arrestato in precedenza. Gerard Djossou, responsabile dei diritti umani nel partito Dynamique Monseigneur Kpodzro (DMK), era stato arrestato venerdì. Il pubblico ministero ha spiegato che contro di loro è stata aperta un’indagine per “attentato alla sicurezza interna dello Stato”.

Il partito ha condannato gli arresti, come una “manovra il cui obiettivo non è altro che decapitare il movimento”, riporta l’agenzia di stampa francese AFP. L’opposizione ha intensificato la sua campagna contro il presidente Faure Gnassingbé, che secondo loro ha vinto le elezioni di febbraio con brogli elettorali. Sabato aveva indetto una manifestazione nella capitale Lomé per protestare contro i risultati delle elezioni, ma è stata annullata dal governo con la scusa del coronavirus. Gnassingbé guida il Togo dopo aver preso il posto di suo padre Gnassingbé Eyadema, che ha governato per 38 anni.

Condividi

Altre letture correlate: