R.D. Congo – Kabila vuole un successore. Katumbi chiede di rientrare

di Marco Simoncelli

Il presidente congolese Joseph Kabila avrebbe chiesto ai fedelissimi del suo schieramento politico, Front commun pour le Congo, di cercare un delfino che possa succedergli e di suggerirgli quattro nomi entro le prossime in vista dell’8 agosto, data di scadenza dei termini per la presentazione delle candidature alle prossime elezioni che sono fissate per il 23 dicembre. È stata l’agenzia Afp a riportarlo nella serata di ieri citando un ministro che però ha voluto restare anonimo.

Se lo scoop fosse vero, vorrebbe dire che Kabila, il cui mandato è ufficialmente scaduto nel 2016 e che non può candidarsi per un terzo mandato, avrebbe deciso di rispettare la Carta Costituzionale, dopo ormai quasi due anni di tensioni politico-sociali e instabilità che hanno portato ha due rinvii del voto.

Stando all’indiscrezione il “delfino” dovrà rispettare 11 criteri elencati dal Capo di Stato congolese, che però non sono stati rivelati.

Nel frattempo due dei principali candidati dell’opposizione stanno rientrando nel paese dall’esilio. L’ex capo militare Jean-Pierre Bemba ha annunciato il rientro per il 1° di agosto, mentre ieri Moise Katumbi, ha ufficialmente presentato la sua richiesta di rientrare a Lubumbashi per presentare la sua candidatura. Lo ha annunciato il segretario generale della piattaforma Ensemble, Delly Sesanga. Katumbi al momento si troverebbe in Sudafrica, secondo quanto riportato dalla Afp.

“Per la libertà siamo pronti a compiere il più grande sacrificio, non ci tireremo indietro di fronte all’intimidazione reciproca”, ha aggiunto Sesanga. Katumbi potrebbe infatti essere arrestato al suo rientro, in quanto è stato condannato a tre anni per un caso di accaparramento di terreni ed è stato citato in giudizio per «reclutamento di mercenari». Oltre a ciò, è stato anche accusato di aver avuto la cittadinanza italiana, il che lo renderebbe incandidabile secondo la legge congolese.

Altre letture correlate:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X