Zimbabwe – Forte partecipazione al voto. Operazioni elettorali “imperfette”

di Marco Simoncelli
Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Nella tarda serata di ieri sono stati resi pubblici i primi dati relativi all’affluenza alle urne per le elezioni che si sono svolte in Zimbabwe. Un appuntamento particolarmente atteso, perché si tratta del primo voto dopo la deposizione con un golpe de facto dell’ex-presidente Robert Mugabe lo scorso novembre.

Stando ai dati provvisori, in media il 75% dei zimbabwani aventi diritto si è recato regolarmente ai seggi. Alle 17 (ora locale) sono stati chiusi ufficialmente ed è poi iniziato lo spoglio delle schede. Alcuni hanno però prolungato l’orario per smaltire le lunghe code di votanti che si erano formate sin dall’alba.

Stando a quanto riportato dai media, il clima generale è stato pacifico e si respirava aria di ottimismo per un voto che per molti è considerato “il primo realmente libero”. Si è votato per scegliere i membri del Parlamento e delle amministrazioni locali oltre che per il nuovo Capo di Stato.

Si sono presentati 23 candidati, ma, stando alle previsioni ci dovrebbe essere un testa a testa tra l’attuale Presidente ad interim Emmerson Mnangagwa con il partito da sempre al potere Zamu-PF e il giovane oppositore emergente Nelson Chamisa del Movimento per il cambiamento democratico (Mdc). Irisultati dovranno essere resi pubblici nei prossimi 5 giorni. Se nessuno supererà la soglia del 50% ci sarà un secondo turno l’8 settembre.

Ieri anche il vecchio Mugabe si è recato alle urne dopo che il giorno prima si era inaspettatamente presentato di fronte ai media per criticare “ciò che ha subìto” e annunciare che non avrebbe votato per il suo vecchio partito Zanu-PF e per Mnangagwa.

Come riportato dalla Reuters, gli osservatori internazionali hanno però dato un’opinione contrastante sulla macchina organizzativa dello scrutinio. Il voto è stato giudicato “molto regolare” in alcuni luoghi e “totalmente disorganizzato” in altri. Secondo gli osservatori dell’Ue molti elettori avrebbero rinunciato per via delle code interminabili.

Altre letture correlate:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X