Primato di pirateria ai mari dell’Africa occidentale

di Luciana De Michele
pirateria
Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

Secondo quanto dichiarato nel rapporto “Pirateria e furto armato contro le navi” pubblicato dall’Ufficio Marittimo Internazionale (IMB) della Camera di Commercio Internazionale, le coste dell’Africa occidentale sono al momento le più insicure. Il 90% dei rapimenti marittimi avvenuti finora nel 2020 nel mondo si sarebbero verificati infatti nei confronti di navi mercantili nel Golfo di Guinea.

«Nel Golfo di Guinea gli attacchi armati con armi da taglio e da fuoco ora sono diretti agli equipaggi di tutti i tipi di navi. Tutti sono esposti», afferma il direttore dell’IMB Michael Howlett.

In totale, da gennaio si sono verificati 98 episodi di pirateria nel mondo e sono stati presi in ostaggio o rapiti per ottenere riscatto 77 marinai. Di questi, ne sono stati prelevati nel Golfo di Guinea 49, di cui 32 negli ultimi tre mesi, in piena emergenza da Covid-19.

Il rapporto sottolinea infatti come la minaccia crescente della pirateria aggiunga difficoltà alle centinaia di migliaia di lavoratori del settore che lavorano con contratti stagionali, a causa delle restrizioni sugli equipaggi e sui viaggi internazionali a causa della pandemia.

Altre letture correlate:

X