Mali: la battaglia tra Dogon e Fulani

di Matteo Merletto

Nella zona centrale del Mali, quella che doveva essere la stagione del raccolto per gli abitanti del villaggio è diventata una stagione di fame, morte e distruzione. Il ministero della salute del Mali afferma che finora centinaia di persone sono morte per quella che descrive una carestia creata dall’uomo, mentre agricoltori e pastori combattono per la terra.

È un conflitto ancestrale che si svolge al culmine della stagione secca tra i Dogon, che sono contadini e cacciatori tradizionali, e i Fulani, i pastori semi nomadi del Sahel. I Dogon accusano i Fulani di oltrepassare i terreni agricoli per nutrire i loro animali, mentre i Fulani accusano i Dogon di aver ucciso e rubato il loro bestiame. E ora si stanno uccidendo a vicenda.

In uno dei peggiori attacchi, 160 abitanti del villaggio Fulani sono stati uccisi a Ogossagou a marzo. Mamadou Togo, il principale rappresentante del popolo dogon del Mali, dice che l’attacco non è stato perpetrato dai cacciatori Dogon. Dice che i Dogon non hanno attaccato nessun villaggio Fulani, nonostante ci siano tensioni tra le due comunità.

La violenza non si limita nemmeno al Mali. Nei paesi vicini del Sahel, i Fulani sono stati in conflitto anche con altre tribù. Ad alimentare questo conflitto vi sono gruppi armati – tra cui al-Qaeda e consociate dello Stato islamico – che stanno intervenendo e schierandosi.

Dal 2013, la missione di mantenimento della pace delle Nazioni Unite MINUSMA è operativa in Mali. Ci sono attualmente 14.000 truppe delle Nazioni Unite – tra cui soldati britannici, canadesi e tedeschi – oltre 4.000 truppe da combattimento francesi e forze regionali del G5 nel Sahel nel paese. Nonostante ciò, la violenza si sta diffondendo e si sta espandendo senza controllo.

Altre letture correlate:

X