Diga sul Nilo, riunione dell’Unione Africana

di Valentina Milani
Diga-sul-NIlo-Azzurro
Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

Oggi, martedì 21 luglio, i leader africani dovrebbero riunirsi in un incontro virtuale per discutere della controversa Grande diga del rinascimento che vede Egitto e Sudan preoccupati per il mega sbarramento che l’Etiopia sta realizzando sul Nilo azzurro.  L’incontro è organizzato sotto l’egida dell’Unione Africana.

Sin dalla sua progettazione, l’opera ha rappresentato una fonte di forti attriti tra i tre Paesi che si affacciano sul bacino del Nilo e un decennio di confronti non ha portato risultati.

Un meeting quindi necessario visto che l’Etiopia ha iniziato il rimpimento pochi giorni fa nonostante non sia stati ancora rggiunto un accordo. L’Etiopia spera che la diga porti elettricità a decine di milioni di persone che attualmente vivono senza accesso all’energia elettrica, ma l’Egitto – che riceve la maggior parte della sua acqua dolce dal Nilo – teme che lo sbarramento minaccerà la sua fornitura di acqua. Anche il Sudan vuole garanzie sul fatto che l’approvvigionamento idrico essenziale non venga ridotto.

Le Nazioni Unite hanno invitato i tre Paesi in contrapposizione a torvare un punto di accordo.

Al termine dei lavori la diga, dal costo di 4,6 miliardi di dollari, sarà la più grande del continente e avrà una potenza installata totale di 6,450 MW.

 

Condividi

Altre letture correlate: