Bemba chiede un risarcimento alla Cpi per detenzione illegale

di Enrico Casale
jean-pierre bemba
Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

Jean-Pierre Bemba ha chiesto alla Corte penale internazionale un risarcimento di 26 milioni di euro per detenzione illegale, sostenendo di essere stato vittima di un errore giudiziario. A questa somma, ha aggiunto 42 milioni di euro per il degrado che le sue sue proprietà avrebbero subito.

Al momento del suo arresto, la Corte penale internazionale aveva chiesto a diversi Stati di congelare la proprietà di Bemba e di sequestrare i suoi beni: una villa di lusso, un Boeing 737 in Portogallo, i conti bancari, inclusi alcuni offshore, e sei aerei nella Rd Congo di proprietà della sua compagnia aerea.

Il suo avvocato, Peter Haynes, accusa la Corte di negligenza e, in particolare, l’accusa della distruzione della flotta aerea di Bemba. «Che cosa è successo ai sei aerei dell’aeroporto Ndjili di Kinshasa? Sono stati spostati sul lato della pista dai rappresentanti di Monusco e pochi giorni dopo, di fronte all’obiezione degli avvocati di Bemba, sono stati semplicemente distrutti, tagliati a pezzi».

La Corte contesta queste affermazioni, affermando che molte proprietà erano già fuori uso ancor prima del suo arresto. «La realtà di questo file è che il lavoro di indagine è stato lungo, è stato difficile. Le proprietà si sono deteriorate prima dell’arresto di Bemba».

Per gli avvocati dell’ex vicepresidente congolese, il caso riguarda la Corte, i cui ordini di sequestro non sono ancora stati revocati. Gli avvocati quindi vogliono si apra una procedura di arbitrato. La risposta dei giudici arriverà nelle prossime settimane.

Condividi

Altre letture correlate:

X