Aloe, vera magia della natura africana

di Valentina Milani
aloe vera

La si trova in natura, è originaria dell’Africa, ed è un vero toccasana per la pelle e non solo, soprattutto in estate quando scottature ed eritemi sono sempre in agguato: stiamo parlando dell’aloe, un vegetale davvero miracoloso.

L’aloe è una pianta succulenta perenne a portamento arbustivo che può raggiungere un’altezza anche di un metro. Le foglie si presentano maculate in fase di crescita per poi assumere un colore verde uniforme allo stato adulto e sono rivestite da una pellicola protettrice che permette alla pianta di filtrare l’aria e l’acqua. Nella varietà ‘vera’ le foglie sono disposte a ciuffo, lunghe 40–60 cm, lanceolate, con apice acuto. Presentano spine solo lungo i lati. I fiori sono di colore dal giallo al rosso. I frutti sono costituiti da una capsula loculicida.

E’ all’interno della pianta, però, che sono custoditi tutti i suoi poteri curativi: sotto la prima membrana si trova infatti un primo strato cellulosico che racchiude l’Aloina. Infine, in questa triplice protezione vegetale, è racchiuso il parenchima acquifero: un tessuto incolore costituito dal gel della pianta.

Ma quali sono i poteri dell’aloe?

Lenitivo. L’aloe offre un sollievo immediato alle punture di zanzare e di altri insetti. E’ anche l’ideale in caso di scottature (sia quelle in cucina sia quelle dovute al troppo sole): basterà spremere un po’ di gel nella zona interessata e il sollievo sarà immediato e definitivo.

Cura della pelle. L’aloe ha un’azione dermoprotettiva, idratante ed emolliente. Per questo motivo tale pianta viene abbondantemente utilizzata dall’industria della bellezza in saponi, creme e bagnoschiuma.

Coagulante. L’aloe è in grado di riparare rapidamente tessuti e membrane, perciò viene utilizzata non solo sulle ustioni ma anche su ferite, eczemi e vesciche, per accelerare la guarigione.

Depurante. L’aloe è in grado di disintossicare l’organismo dalle tossine. Non solo, i suoi saccaridi aderiscono alle pareti dell’intestino formando una barriera protettiva che impedisce l’assorbimento di sostanze dannose.

Lassative. L’aloe è un’alleata del sistema digestivo: stimola la flora batterica e l’eliminazione dei rifiuti, migliorando al contempo l’assorbimento delle sostanze nutritive (ma non degli elementi dannosi).

Stimola il sistema immunitario. L’aloe contiene acemannano, uno zucchero dalle proprietà antivirali, antinfiammatorie e antitumorali: infatti stimola la produzione di macrofagi, globuli bianchi che distruggono le cellule tumorali.

Cura dei capelli. L’aloe è un eccezionale balsamo in quanto rende i capelli lucidi, e protegge il cuoio capelluto.

L’aloe è originaria della costa nord-orientale dell’Africa e del bacino del Mediterraneo, da cui probabilmente si diffuse in India e in America, dal Texas al Messico fino al Venezuela, e anche l’Oceania. La pianta predilige i climi caldi e secchi e cresce spontanea su terreni secchi e calcarei, ma si può anche coltivare, sia per seme che per talea.

Altre letture correlate:

X