Tanzania, le vedove rivendicano i propri diritti

di Enrico Casale
vedove tanzaniane

Centinaia di vedove si sono date appuntamento a Dodoma (Tanzania) per chiedere maggiori diritti. Secondo molte culture tradizionali dell’Africa orientale, una vedova non è in grado di ereditare le proprietà del marito defunto. In altre, le vedove sono costrette a sposare il fratello del defunto marito. Obblighi che le donne non sono più disposte ad accettare.

All’incontro, organizzato dall’originazione non governativa Amazing Grace, hanno partecipato anche vedove di Paesi vicini come Kenya, Uganda e Malawi.

«Alcune delle sfide che le vedove devono affrontare includono intimidazioni e la stigmatizzazione da parte della famiglia del defunto marito», ha dichiarato alla Bbc Swahili Beatrice Mwinuka, che ha organizzato il simposio.

«Alcuni parenti sono determinati a prendersi le proprietà che una vedova ha faticato a mettere insieme con il marito – ha detto -. A volte, la donna viene abbandonata con bambini piccoli che vanno a scuola. Spesso la vedova non conosce i suoi diritti e poiché abita nei villaggi, non sa dove andare per chiedere aiuto».

In Tanzania, la principale sfida per le vedove è la questione della proprietà. Le famiglie del marito defunto temono infattio che, se la vedova sposa un’altra persona, i beni possano finire altrove. Le cose stanno però lentamente cambiando anche qui perché si inizia a riconoscere il ruolo chiave che svolge una donna in un matrimonio e come contribuisce alla ricchezza di una coppia.

Altre letture correlate:

X