Sudan: dalle proteste al cambio di governo

di Matteo Merletto

Dimostrazioni a livello nazionale, stato di emergenza, decine di manifestanti uccisi, accuse di brutalità della polizia e un presidente aggrappato al potere. Questa la situazione in Sudan che ha portato alla destituzione del presidente Omar al-Bashir.

Le proteste sono iniziate nel dicembre 2018 nella città di Atbara. L’improvvisa triplicazione del costo del pane ha scatenato le prime proteste, ma si sono rapidamente trasformate in manifestazioni antigovernative che chiedevano le dimissioni di al-Bashir. Le insurrezioni sono state la continuazione delle proteste antigovernative del 2013 in cui furono uccise decine di persone.

Secondo i gruppi per i diritti umani, almeno 51 persone sono state uccise, centinaia ferite e migliaia incarcerate negli ultimi mesi di manifestazioni. «Tasgut bas» è ciò che stanno cantando nel video, che significa: “Semplicemente cadere”. Ecco quanto accaduto in questi giorni. (Fonte: Al Jazeera English)

Altre letture correlate:

X