Sfoglia la rivista online
Menu

Pubblicato il 17 Gen 2018 in Buongiorno Africa, NEWS

Sarkozi-Kagame. Quando gli affari vincono sulla politica

Sarkozi-Kagame. Quando gli affari vincono sulla politica

Nicolas Sarkozy, l’ex capo di stato francese, è stato ricevuto in udienza dal presidente ruandese Paul Kagame.  Non si è trattato di una visita di carattere politico ma un incontro d’affari. Nicolas Sarkozy è stato, infatti, accompagnato nel suo viaggio in Rwanda da una delegazione di uomini d’affari tra cui Cyrille Bolloré, figlio dell’industriale francese Vincent Bolloré. Dopo l’incontro, avvenuto nel villaggio di Urugwiro, sede della presidenza ruandese, l’ex leader francese è andato al Rwanda Development Board, l’agenzia incaricata di promuovere gli investimenti nel paese. Obiettivo ufficiale della visita era quello di creare partnership tra imprenditori e uomini d’affari ruandesi.

Dopo la sua schiacciante sconfitta alle primarie francesi ad opera di Francois Fillon, Sarkozy ha abbandonato la politica e lo scorso febbraio è stato nominato membro del Consiglio di amministrazione di AccorHotels, il principale operatore alberghiero francese all’interno del quale è entrato anche a far parte del “Comitato strategico internazionale”.

Francia e Ruanda dopo il genocidio del 1994 non hanno vissuto buoni rapporti. Parigi e Kigali si sono accusati a vicenda di avere avuto un ruolo nell’abbattimento dell’aereo sul quale volava il presidente ruandese Habjarimana la cui morte fu il segnale per l’inizio della caccia ai tutsi. La Francia poi fu accusata da Paul Kagame di avere protetto e portato in salvo in Congo, nel Kivu, gli autori del genocidio con l’operazione Turquoise.

Sarkozy, nel febbraio del 2010, come presidente francese, durante una visita in Ruanda ammise per la prima volta il fatto che la Francia poteva avere commesso un errore di giudizio valutando gli avvenimenti in Ruanda del 1994.

Oggi la sua visita e il suo incontro con Paul Kagame a capo di un paese riconosciuto come uno dei più promettenti d’Africa con quattordici milioni di abitanti, un crescita economica invidiabile e prospettive di sviluppo molto buone, è il segno che sono gli affari, tante volte, a vincere sulla politica.

(Raffaele Masto – Buongiorno Africa)