Rd Congo | Virunga, assalto delle Fdlr

di Enrico Casale
fdlr
Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

Almeno 12 ranger sono stati uccisi, ieri, 24 aprile, da miliziani delle Forze democratiche per la liberazione del Ruanda (Fdlr) nel Parco nazionale Virunga, nella Rd Congo. Cosma Wilungula, uno dei funzionari del parco, ha dichiarato che l’attacco è stato il più mortale della storia recente.

Secondo la sua ricostruzione, almeno 60 guerriglieri hanno teso un’imboscata a un convoglio di civili protetto dai ranger. Oltre alle vittime, sei persone sono rimaste ferite nell’attacco del gruppo ruandese, i cui leader sono stati accusati di legami con il genocidio del 1994 (in cui furono uccisi circa 800.000 tutsi etnici e hutu moderati). Finora il gruppo non ha rilasciato commenti.

«Virunga Park Rangers non era il reale obiettivo dell’attacco. Si voleva colpire la popolazione civile che vive nella zona», afferma una nota dell’amministrazione del parco.

Non è la prima azione delle Fdlr. Già in passato i suoi miliziani hanno preso di mira i turisti nel parco. Nel 2018 gli aggressori hanno ucciso il ranger Rachel Masika Baraka durante il breve rapimento di due turisti britannici e del loro autista.

Il parco, che è una riserva naturale, patrimonio mondiale dell’Unesco, vanta una ricca biodiversità e conta su una delle ultime comunità di gorilla di montagna. Il ​​23 marzo è stato chiuso in seguito al parere di esperti secondo i quali i gorilla potrebbero essere vulnerabili alle complicazioni dovute alla cattura di Covid-19.

Altre letture correlate:

X