Giornata mondiale del rifugiato/1 – In Etiopia, Msf a fianco delle persone traumatizzate

di Enrico Casale
Medici Senza Frontiere sta aiutando decine di migliaia di rifugiati eritrei in diversi campi nel nord dell'Etiopia
Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

Medici Senza Frontiere sta aiutando decine di migliaia di rifugiati eritrei in diversi campi nel nord dell’Etiopia. Alcuni sono lì da anni, ma molti continuano ad arrivare ogni mese, in fuga dal regime repressivo di Asmara o di ritorno dopo aver fallito il viaggio verso l’Europa (e sono traumatizzati dalla drammatica esperienza che hanno vissuto nell’attraversare Sudan, Egitto e Libia). Per questo motivo, Msf ha allestito nei campi un programma di sostegno psicologico o psichiatrico per i rifugiati.
(20/06/2016 Fonte: Rfi)

Altre letture correlate:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X