Costa d’Avorio – Gbagbo ai domiciliari in Belgio

di Enrico Casale
Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

Dopo la sentenza di assoluzione, l’ex presidente della Costa d’Avorio Laurent Gbagbo è stato rilasciato dalla Corte penale internazionale (Icc). Una portavoce dell’Icc ha affermato che Gbagbo è ora in libertà condizionata in Belgio, in attesa di un possibile appello.

La scorsa settimana il Belgio ha accettato di ospitare l’ex presidente dopo che le accuse a suo carico erano state ritirate.

L’ex leader è stato accusato di crimini contro l’umanità in seguito a contestate elezioni del 2010 che hanno causato 3.000 morti e 500.000 sfollati. È stato il primo ex capo di stato a essere giudicato dall’Icc.

La violenza in Costa d’Avorio, il più grande produttore di cacao del mondo, è arrivata dopo che Gbagbo ha rifiutato di accettare la sconfitta nelle elezioni e la conseguente vittoria di Alassane Ouattara.

Le forze dell’Onu, sostenute dalla Francia, hanno catturato Gbagbo in un bunker del palazzo presidenziale nel 2011. I pubblici ministeri hanno detto che Gbagbo è rimasto aggrappato al potere «con ogni mezzo» e lo hanno accusato di quattro capi di accusa: crimini contro l’umanità, omicidio, stupro e altre forme di violenza sessuale, persecuzione e «altri atti disumani». L’ex presidente ha negato le accuse che, secondo lui, erano accuse politiche.

Gbagbo è stato assolto per «insufficienza di prove» e ora, probabilmente, dovrà affrontare un secondo grado di giudizio,

Altre letture correlate:

X