Burundi, gioia per la liberazione di quattro giornalisti

di Celine Camoin
Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

Dopo ben 430 giorni di detenzione, sono finalmente liberi i quattro giornalisti della redazione di Iwacu, media indipendente burundese, arrestati il 22 ottobre 2019 nella provincia della Bubanza.

Christine Kamikazi, Agnes Ndirubusa, Egide Harerimana e Terence Mpozenzi hanno ottenuto una risposta positiva a una domanda di grazia presidenziale rivolta al capo dello Stato, Evariste Ndayishimiye.

Inviati nella provincia settentrionale per indagare su notizie di scontri tra una ribellione entrata dal Congo e le forze dell’ordine, i quattro reporter erano stati arrestati prima di iniziare il documentario e condannati, al termine di un processo controverso, a due anni e mezzo di detenzione per attentato alla sicurezza dello Stato.

La liberazione dei quattro giornalisti, avvenuta il 24 dicembre, ha riacceso la speranza di «una rinascita, una nuova era per i media del Burundi» scrive Antoine Kaburahe, fondatore di Iwacu.

Per Iwacu e per i difensori della libertà di stampa, la scarcerazione dei reporter è una bella notizia. Resta però irrisolto il caso di Jean Bigirimana, un altro giornalista, scomparso dal 22 luglio 2016 dopo un presunto arresto da parte dei servizi d’intelligence.

Condividi

Altre letture correlate: