Sudan, è caos nel Darfur

di Diego Fiore
Darfur
Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

Il Sudan ha dichiarato lo stato di emergenza in una parte della regione occidentale del Darfur a seguito delle violenze e dei disordini scoppiati in due città. Lo riferisce l’agenzia di stampa statale SUNA. La missione Unione Africana-Nazioni Unite nel Darfur (UNAMID) ha dichiarato di aver inviato una squadra nella città di Kutum, nello Stato del Nord Darfur, dopo l’incendio di una stazione di polizia e di automobili da parte di manifestanti non identificati: non ha però fornito ulteriori dettagli. I manifestanti chiedono maggiore sicurezza e un governo statale civile, ha riferito un residente citato dall’agenzia di stampa Reuters. Un altro residente ha riferito alla Reuters che una milizia non identificata ha attaccato ieri un altro sit-in a Fatabarno, un villaggio nella stessa area. I sit-in pacifici si sono moltiplicati nelle città di tutta la regione e in altre parti del Sudan per protestare anche contro la presenza di milizie armate (le posizioni apicali degli Stati sono ricoperte in Sudan da ufficiali).

Il conflitto in Darfur è iniziato nel 2003 dopo che i ribelli, per lo più non arabi, sono insorti contro il governo di Khartoum. Le forze governative e principalmente la milizia araba, che si era mossa per reprimere la rivolta, sono state accusate di atrocità diffuse. Uccise circa 300mila persone nel conflitto, secondo le stime delle Nazioni Unite.

Altre letture correlate:

X