Sudafrica – Grazia al laser riscoperta antica città-Stato

di Enrico Casale
Kweneng

Usando la tecnologia laser, gli archeologi sudafricani hanno scoperto un’antica città perduta conosciuta come Kweneng. I ricercatori dell’Università di Witwatersrand hanno studiato il sito nel Parco Nazionale di Suikerbosrand per decenni ipotizzando la presenza di resti. Ma è solo grazie a una tecnologia laser all’avanguardia, conosciuta come Lidar (Light Detection and Ranging), che sono stati in grado di definire con precisione i confini e la dimensione dei resti. Così, quello che sembrava solo un antico villaggio di capanne, si è rivelato una vera e propria città.

«I dati forniti dalla tecnologia laser ci consentono di mappare e tenere traccia della città. Stiamo colmando un enorme vuoto storico specialmente per l’Africa meridionale. La storia pre-coloniale dell’Africa meridionale non ha testimonianze scritte, quindi ora iniziamo a colmare le lacune utilizzando questa tecnologia», ha detto Fern Imbali Sixwanha, un candidato al dottorato che fa parte del team che studia Kweneng.

Il professor Karim Sadr ha esplorato l’area per 30 anni, ma afferma che la vegetazione era troppo fitta ed è così che ha commissionato un’analisi aeree con il Lidar. Lidar impiega i laser per misurare le distanze dalla superficie terrestre, che è particolarmente utile quando si esaminano zone ricoperte da vegetazione e terra.

Gli studi rivelano che Kweneng, che si estendeva per circa 20 chilometri quadrati, aveva raggiunto il suo culmine tra il XV e il XIX secolo. Lidar ha anche permesso agli archeologi di creare immagini digitali delle 800 fattorie e delle altre strutture che ospitavano una popolazione stimata di circa 10.000 persone che parlavano il Tswana. Kweneng – come le altre città-stato Tswana – si ritiene si sia avviata al declino dopo un conflitto civile.

Altre letture correlate:

X