Kenya, niente quarantena obbligatoria

di Diego Fiore
Nairobi
Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

A partire dal 1 agosto 2020 i turisti stranieri che si recheranno in Kenya per vacanza o per affari non saranno obbligati alla quarantena, a meno che all’arrivo non abbiano febbre o sintomi riconducibili al Covid-19. In caso di febbre invece non sarà sufficiente per evitare la quarantena il certificato covid free, che sarà comunque richiesto a tutti. Lo ha comunicato, come riporta malindikenya.net, il ministro dei Trasporti James Macharia.

«Il nuovo protocollo include anche misure per ridurre al minimo il contatto tra l’equipaggio e i passeggeri al terminal dell’aeroporto, tra gli agenti di sicurezza e i passeggeri e tra il personale dell’aeroporto e i bagagli», ha detto Macharia, «gli operatori aerei ridurranno anche il servizio a bordo al minimo indispensabile e introdurranno procedure di imbarco e sbarco graduale per evitare assembramenti». Chi dovrà partire o arrivare di sera nella fascia oraria del coprifuoco potrà essere trasportato in taxi o con un transfer regolarmente registrato, a patto di esibire la carta di imbarco o il biglietto aereo. In più il ministro ha poi annunciato anche che negli aeroporti del Paese potranno sostare solo lavoratori e viaggiatori (questi ultimi però potranno richiedere assistenza in caso di necessità).

Altre letture correlate:

X