Kenya – Film “Rafiki” censurato per scene lesbo

di Marco Simoncelli

Il primo film keniano a debuttare al prossimo Festival del cinema di Cannes è stato censurato dalle autorità di Nairobi per via della sua trama che racconta la storia d’amore di due donne in lotta contro i pregiudizi sociali.

Secondo il Kenya Film Classification Board (KFCB) la pellicola “Rafiki” (che significa “amico” in lingua Swahili) della regista Wanuri Kahiu, “intende legittimare le pratiche lesbiche”. Per questo il KFCB ha avvertito che chiunque venisse trovato in possesso del film verrà perseguito secondo la legge in vigore. Le relazioni fra lo stesso sesso sono illegali in Kenya e la legge in vigore prevede pene fino a 14 anni di carcere.

La regista Kahiu ha detto alla BBC che sperava in un divieto ai minori di 18 anni e si è detta delusa in quanto “l’audience keniana è matura” e che la censura non permette all’opinione pubblica di “discuterne e decidere cosa pensare”.

La decisione è stata aspramente criticata dai supporters del film sui social network e in particolare dalla Kenya’s National Gay and Lesbian Human Rights Commission (NGLHRC)

Una settimana fa il presidente keniano Uhuru Kenyatta ha dichiarato alla CNN che “al momento i diritti gay non sono un argomento rilevante per il suo paese”.

Altre letture correlate:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X