Kenya – Balzo avanti del money transfer. Accordo tra We-Chat e M-Pesa

di Marco Simoncelli
Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

Gli utenti M-Pesa della società telefonica Safaricom d’ora in avanti potranno utilizzare l’applicazione per il trasferimento di denaro anche agli utenti di WeChat, l’applicazione di social media più utilizzata in Cina che conta oltre un miliardo di iscritti. Lo riporta l’agenzia InfoAfrica citando media keniani.

Grazie a questo accordo, ricorda il quotidiano Daily Nation, milioni di keniani potranno fare scambi di denaro con quasi 1 miliardo di utilizzatori cinesi. Il costo delle transazioni varierà a seconda dell’ammontare totale, ma in generale dovrebbe consentire risparmi rispetto a più tradizionali metodi di money transfer. M-Pesa è attualmente utilizzata da 25 milioni di persone e registra oltre 10 milioni di transazioni al giorno.

Il servizio a poco più di dieci anni dal lancio ha rivoluzionato le modalità di pagamento e ha superato molto presto i confini del Kenya. Oggi, per l’Africa le soluzioni di pagamento mobile e l’uso dei cellulari stanno consentendo di superare il gap costituito dall’assenza di servizi bancari o dall’impossibilità di molti africani di accedere a servizi finanziari tradizionali.

Lo scorso aprile un accordo tra Safaricom, PayPal e TransferTo ha reso possibile le transazioni in denaro tra gli utenti M-Pesa.

Il money transfer è considerato un importante strumento di inclusione finanziaria che potrebbe esser molto utile allo sviluppo economico africano. In Africa infatti si stima che il 70% degli adulti attualmente non possieda un conto bancario. Nel dicembre del 2016, ben 277 milioni di account mobile money si trovavano nella regione subsahariana. Ormai in Kenya, Tanzania, Zimbabwe, Ghana, Uganda, Gabon e Namibia più del 40% della popolazione adulta possiede e gestisce un piccolo conto finanziario sul proprio cellulare.

Altre letture correlate:

X