Immobiliare e agricoltura biologica a Boa Vista

di Diego Fiore
Claudio CapoVerde 2
Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

Claudio Morlin, 45 anni, da diciassette residente a Boa Vista, racconta come tutto sia partito dal classico pensiero: «Voglio trasferirmi in un’isola tropicale e aprire un baretto sulla spiaggia». Dopo alcune ricerche, la scoperta di quest’isola dell’arcipelago di Capo Verde ricca di belle spiagge, sole e gente cordiale. Esattamente quello che stava cercando. Il primo passo? Rilevare un piccolo negozio di souvenir all’interno di un villaggio turistico. In seguito, con il socio Gianluca Bonora, inizia a investire nel settore immobiliare arrivando a gestire l’Aparthotel Residence Por Do Sol, complesso turistico-residenziale per affitti a breve e lungo termine.

In parallelo nasce capeverdeproperty24.com, portale di intermediazione immobiliare che propone le migliori occasioni dell’arcipelago e supporta i clienti nelle fasi di vendita, acquisto, locazione e valutazione di asset aziendali.

A seguito della crisi del 2008, Claudio decide di differenziare i propri interessi investendo nel settore agricolo, cruciale per un Paese che importa gran parte dei generi alimentari. Apre quindi Montrigo Oasi. «Abbiamo scelto l’agricoltura biologica con il sistema goccia a goccia, proponendo anche percorsi didattici per conoscere e testare i benefici delle piante curative dell’isola», racconta l’imprenditore, oggi alla guida del primo produttore nazionale di frutto della passione e rucola.

Maratoneta di buon livello (ha vinto tre edizioni della massacrante Boa Vista Ultramarathon), pienamente integrato nella società locale (ha anche il passaporto capoverdiano), Claudio è ora concentrato sull’avvio dell’ennesimo progetto imprenditoriale: Aloe Boa, brand di cosmetici naturali a base di aloe vera coltivata in loco.

(Martino Ghielmi – vadoinafrica.com)

 

Condividi

Altre letture correlate:

X