06/06/13 – Madagascar – Presidenziali rinviate e candidature accolte, “incertezza totale”

di AFRICA

 

Slittano al 23 agosto le elezioni presidenziali in agenda per il 24 luglio: il rinvio dell’atteso voto è stato deciso dal consiglio dei ministri che ha approvato un decreto. Lo ha annunciato il ministro della Comunicazione del governo di transizione, Harry Laurent Rahajason. In base agli accordi firmati nei mesi scorsi dalle principali correnti politiche – noti come ‘Road map’ – per risolvere la crisi in corso dal 2009, la nuova data deve ora essere convalidata dalla Commissione elettorale nazionale indipendente (Ceni-T) e dai partner internazionali.

Il rinvio del voto è stato annunciato poche ore dopo la decisione della Corte elettorale speciale (Ces), che si è pronunciata a favore di tre candidature contestate sia nel paese che dalla comunità internazionale. La Ces ha confermato che l’attuale uomo forte del Madagascar Andry Rajoelina, l’ex presidente Didier Rastirika e la moglie dell’ex capo di stato Lalao Ravalomana sono autorizzati a candidarsi alle prossime elezioni, che sulla carta dovrebbero consentire di archiviare il periodo di transizione.

“I militanti dei tre candidati in questione sono soddisfatti dal verdetto della Corte elettorale, ma c’è chi è rimasto sorpreso e contesta la decisione. Ma in questo momento c’è un sentimento che accomuna tutti i malgasci: la preoccupazione per un futuro sempre più incerto” dice alla MISNA da Antananarivo una fonte di ‘Radio Don Bosco’, l’emittente dei salesiani. “C’è un clima di totale confusione – aggiunge il nostro interlocutore -. Quello che temiamo è un ritiro della comunità africana ed internazionale dal processo elettorale e, peggio ancora, una sospensione della cooperazione da parte dell’Unione Europea. Ancora una volta chi rischia di pagare il prezzo più alto di questa impasse politica è la popolazione già allo stremo”. Il mese scorso Bruxelles ha bloccato una parte dei fondi destinati all’organizzazione del voto e la Ceni-T ha dovuto interrompere la stampa delle schede elettorali.

Il quotidiano locale ‘Madagascar Tribune’ ha riferito che dopo la decisione presa con “superficialità” dai membri della Corte elettorale speciale, Rajoelina dovrebbe formalmente presentare le sue dimissioni dalla carica di presidente di transizione, come previsto dalla legge.  – Misna

 

Altre letture correlate:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X