Saliti a 200 gli elefanti morti in Zimbabwe per la siccità

di Raffaele Masto

Sono almeno duecento gli elefanti morti per fame nel parco Nazionale di Hwange, il più grande parco turistico dello Zimbabwe, al confine con il Botswana. Lo si è appreso da fonti ufficiali che hanno aggiunti di stare aspettando disperatamente che arrivi la pioggia. Il numero di duecento è un aggiornamento dell’ultimo bilancio che parlava di 55 pachidermi uccisi dalla fame e dalle sete.

Altri elefanti sono morti a causa della siccità nel parco nazionale Mana Pools – nel nord del paese, dichiarato patrimonio mondiale dell’UNESCO. Gruppi di ambientalisti hanno trasportato migliaia di balle di fieno a Mana Pools per alleviare le carenze alimentari, che hanno anche causato la morte di zebre e bufali.

Gran parte dell’Africa australe sta vivendo la peggiore siccità degli ultimi due decenni, che in Zimbabwe ha rovinato le colture di base come il mais, lasciando almeno sette milioni di persone – circa la metà della popolazione del paese – dipendenti dagli aiuti alimentari esterni.

Altre letture correlate:

X