Senegal | Sbarca il progetto video-giornalistico Kaadar

di Luciana De Michele
Kaadar
Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

Nove mesi dopo la sua nascita nel quartiere ostiense di Roma, atterra finalmente a Dakar l’associazione Kaadar e la sua equipe: i giornalisti e reporter Marco Simoncelli e Davide Lemmi, insieme a Carlotta Giauna. Tre persone accomunate dall’amore per il proprio mestiere, dalla voglia di raccontare il mondo andando sul campo e attraverso diversi linguaggi comunicativi (dal documentario, al reportage, dalla fotografia alla scrittura per immagini e suono), dall’intenzione di mettere a disposizione degli altri la propria professionalità e, soprattutto, di «restituire, seppur in minima parte, quanto il continente africano ha regalato in contatto umano ed emozioni durante questi anni».

L’obiettivo del progetto Kaadar (in lingua wolof “contesto”, “struttura”, “frame”) è quello di formare i giovani all’utilizzo del mezzo del video-giornalismo e della visual-art in Senegal e nei Paesi dell’Africa occidentale, affinché questi possano affrontare in modo indipendente, creativo e reattivo la realtà che la circonda: un contributo a diffondere più consapevolezza e responsabilità civica. 

Oltre quindi a formare nuovi giornalisti e professionisti nel settore audio-visivo, la volontà è anche quella di essere ponte e punto d’incontro per confronti e scambi, puntando ad aprire un dialogo con la società civile locale, le scuole, i media impegnati nell’emancipazione e nella diffusione della cultura. 

Condividi

Altre letture correlate:

X