Covid-19, informare attraverso la musica

di Valentina Milani
Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

Un brano musicale per sensibilizzare le popolazioni africane sul rischio della pandemia da covid-19 è quello ideato e realizzato dal musicista camerunese Stephane Ngono insieme al gruppo Shardafrica. Il titolo parla chiaro: On est préparé (Siamo preparati).

«Con questa canzone intendo fare informazione sul pericolo e sulle caratteristiche del Coronavirus usando un mezzo naturale che è parte integrante di molti popoli dell’Africa e del mondo: la musica, unita alla danza. Nel continente africano si balla spesso per divertimento e così ho pensato di proporre un brano su cui danzare e, nello stesso tempo, imparare a come comportarsi. Il testo vuole essere un messaggio chiaro e semplice sulla prevenzione e la promozione ma intende anche essere un inno alla presa di coscienza per alcuni miei fratelli africani che pensano tuttora che il covid sia una malattia solo dei bianchi», ha spiegato Stephane, musicista, cantante e scrittore costantemente impegnato nella promozione dello scambio culturale attraverso diverse forme d’arte.

Shardafrica è un progetto di world music nato dalla volontà dei tre musicisti di cui si compone: Stephane Ngono (voce e percussioni), Simone Pistis (organetto, armoniche e chitarra) e Lorenzo Lepori (chitarre). Si tratta di un percorso musicale che non ha un tracciato definito, ma che cambia continuamente la propria via: gira, si allarga, si ferma o accelera, così come si muove la creatività. L’incontro è quello tra le culture musicali dell’Africa subsahariana e quelle del Mediterraneo; un incontro che apparentemente avvicina diversi mondi musicali, ma il cui semplice intento è di attraversarli facendoli dialogare tra loro in forme sempre nuove e differenti.

Altre letture correlate:

X