Wissal, la poetessa che “scrive con i piedi”

di claudia
Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

Wissal Houbabi, 26 anni, italiana di origine marocchina, vive a Bologna ed è una poetessa. Ha iniziato a scrivere poesie nei cortei, nelle manifestazioni. In questo contesto ha scoperto il mondo del “poetry slum”: una sfida di poesia che prende spunto dall’ hip hop. “Scrivere con i piedi”, il suo ultimo progetto, è una performance di poesia orale, un modo per esprimere la cultura d’origine, quella berbera, che si basa sull’oralità. Fino alla generazione dei suoi genitori era l’unico modo per trasmettere la cultura. Il progetto è nato per portare un’arte in Italia che potesse rappresentare la comunità marocchina. “Scrivere con i piedi”, pubblicato sui social dall’associazione culturale “Il Razzismo è una brutta storia”, è metafora del cammino dei migranti attraverso il Sahara o la rotta balcanica. Piedi stanchi in cerca di un futuro migliore…

(Sara Lemlem – NuoveRadici.world)

Condividi

Altre letture correlate: