Nigeria, offensiva jihadista

di Marco Trovato
Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

Sospetti combattenti dello Stato islamico in Africa occidentale (Iswap) hanno “invaso” una città nel nord-est della Nigeria, prendendo in ostaggio centinaia di civili, hanno riferito all’agenzia Afp fonti locali e della sicurezza. I “terroristi” di Iswap hanno preso il controllo del Kukawa (nella regione del lago Ciad) martedì sera e hanno preso in ostaggio centinaia di civili”, che erano appena tornati dalle loro case dopo essere stati spostati in un campo a causa delle violenze che si protraggono da due anni, ha detto Babakura Kolo, leader di una milizia civile. 

Una fonte della sicurezza ha confermato l’attacco e ha detto che aerei da combattimento sono stati schierati a Maiduguri, la capitale dello stato di Borno, per “affrontare la situazione”.
Il Kukawa si trova vicino alla grande città di Baga, sulle rive del Lago Ciad, un’area controllata dal gruppo Iswap, che si è separato da Boko Haram nel 2016. Il gruppo, affiliato al gruppo dello Stato Islamico (Isis), è responsabile di molti attacchi soprattutto contro l’esercito nigeriano, e ha ucciso centinaia di militari. Iswap, inoltre, controlla anche città e villaggi di medie dimensioni e migliaia di civili vivono sotto il suo controllo. 

Più di 36.000 persone sono state uccise dal 2009 nelle violenze in Nigeria e più di due milioni di persone non possono ancora tornare alle loro case.
Le Nazioni Unite hanno fatto sapere, la scorsa settimana, che 10,6 milioni di persone (su un totale di 13 milioni), o “quattro su cinque”, dipendono dagli aiuti umanitari per la loro sopravvivenza nei tre stati più colpiti della Nigeria dagli attacchi dei terroristi (Borno, Yobe, Adamawa). “Questo è il numero più alto mai registrato da quando abbiamo iniziato le operazioni cinque anni fa”, dicono le Nazioni Unite.

Condividi

Altre letture correlate:

X