Un approfondimento online sugli italiani in Zambia e Malawi

di claudia
Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Per decenni generazioni di italiani hanno lavorato e vissuto in Zambia e Malawi contribuendo a scrivere la storia di questi due Paesi dell’Africa centro-meridionale. Sono operai, tecnici, cooperanti, religiosi che sono stati impegnati in grandi opere come per esempio la diga di Kariba, in azioni di cooperazione allo sviluppo sostegno alle fasce più fragili della società, promozione della formazione professionale e della microimprenditoria. Ma la loro presenza non è stata ancora adeguatamente raccontata: a colmare questo vuoto vuole essere una giornata di approfondimento che si terrà venerdì 18 giugno, promossa dalla Società geografica italiana in collaborazione con la casa editrice Infinito e la rivista Africa e Affari.

A fornire l’occasione per questo appuntamento è la presentazione del volume intitolato “Sulle tracce di Livingstone: storia di Zambiae Malawi e degli italiani che vi hanno viaggiato” di Filippo Scammacca del Murgo, già Ambasciatore d’Italia a Lusaka accreditato in Zambia, Malawi e Botswana tra il 2015 e il 2019.

Nel volume, edito per i tipi della Infinito edizioni, Scammacca del Murgo ha fatto un lavoro certosino di analisi storica e diplomatica, raccogliendo aneddoti e storie di vita lungo oltre un secolo. Ha tessuto la trama di una storia fatta di episodi e persone facendole uscire dall’oblio della storia e, al contempo, ha documentato la straordinaria capacità degli italiani a operare in simbiosi e in partenariato con gli africani, in una fase odierna nella quale l’Italia ha necessità di riprendere il suo ruolo all’incrocio tra Europa e Sud del mondo per sostenere valori, beni comuni, reciproca crescita, capacità e sviluppo sostenibile anche nel quadro di una matrice europea. Tra le storie ed episodi ricordate nel volume vale la pena citare in modo particolare il progetto dell’ospedale missionario Mtendere a Chirundu, sullo Zambesi, gestito dalle suore della Carità di Maria Bambina in collaborazione con l’ong Celim, alla cui struttura l’autore destinerà i diritti d’autore del libro.

L’appuntamento del 18 giugno si propone di approfondire le tematiche di questa relazione di solidarietà e cooperazione attraverso un colloquio tra l’autore e un ricco parterre di ospiti in un webinar articolato in due sessioni, la mattina e il tardo pomeriggio. La mattina, a partire dalle ore 10.00, attraverso un webinar organizzato dalla Società geografica italiana, saranno esaminati gli aspetti geografici e storici del libro. Per participare all’evento, è necessario cliccare qui.

La seconda parte, che si svolgerà a partire dalle ore 18.00, sarà invece dedicata agli aspetti più solidaristici e della cooperazione allo sviluppo e sarà trasmessa attraverso la pagina Facebook della casa editrice Infinito.

Il programma completo dell’evento è disponibile cliccando qui.

Condividi

Altre letture correlate: