Ghana – Rimossa la statua di Ghandi: «Era razzista»

di Enrico Casale
rimozione statua di gandhi
Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

Una statua di Mahatma Gandhi, il famoso leader dell’indipendenza indiana, è stata rimossa da un campus universitario di Accra, la capitale del Ghana.

Nel 2016, i docenti dell’ateneo avevano dato vita a una petizione per la rimozione della statua poco dopo che questa era stata inaugurata dall’ex presidente indiano Pranab Mukherjee. Nella petizione si diceva che Gandhi era «razzista» e che gli eroi africani avrebbero dovuto essere messi al primo posto in una capitale africana. Per placare le tensioni il governo del Ghana accettò che la statua fosse trasferita.

Mercoledì, docenti e studenti hanno dichiarato alla Bbc che la statua, originariamente situata nella zona ricreativa dell’università, è stata rimossa. L’università lo ha confermato, affermando che l’operazione è stata avallata dal ministero degli Affari esteri.

Il Mahatma Gandhi è stata una delle figure più celebri del XX secolo per aver guidato la resistenza non violenta al dominio coloniale britannico in India. Quando però da giovane aveva vissuto e lavorato in Sudafrica pronunciò commenti poco lusinghieri sugli africani neri. Nei suoi primi scritti si riferiva ai neri come «kaffir», insulto razzista altamente offensivo. Disse anche che gli indiani erano «infinitamente superiori» ai neri.

Condividi

Altre letture correlate: