4 maggio – Massacro di Cassinga

di Pier Maria Mazzola
Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

1978. Almeno 624 rifugiati namibiani nel sud dell’Angola sono trucidati da un battaglione di paracadutisti sudafricani, intervenuti con il pretesto di snidare la Swapo, il movimento di liberazione dell’Africa del Sud-Ovest (Namibia dal 1990).

«La prima ondata di aerei, i Buccaneer, sganciò bombe con gas venefici. Poi dagli elicotteri si lanciarono sul campo i paracadutisti. Spararono e passarono alla baionetta la nostra gente che non era ancora morta sotto le bombe». (Sam Nujoma, leader della Swapo e primo presidente della Namibia)

Foto: opera di Sonny Amutenya dedicata al massacro di Cassinga nell’Independence Memorial Museum di Windhoek (Namibia)

Condividi

Altre letture correlate:

Lascia un commento

Accetto la Privacy Policy * for Click to select the duration you give consent until.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.