5 marzo – Idy Diene

di Pier Maria Mazzola

† 2018. Senegalese 54enne, in Italia da oltre quindici anni, viene ucciso su un ponte di Firenze da tre diverse pallottole, di cui una alla testa, sparate da un pensionato italiano. Il 13 dicembre 2011, a piazza Dalmazia, era stato ucciso un suo cugino, Modou Samb, insieme a un altro senegalese, da un militante di CasaPound. 

«Dobbiamo capire perché ci sono degli italiani che diventano pazzi, hanno un’arma in casa e decidono di sparare proprio contro di noi. Io sono un sindacalista e difendo anche i diritti degli italiani, quindi vuol dire che si fidano di me. Firenze non è razzista, ma sentiamo le istituzioni sempre più lontane. Io vivo con i miei fratelli, mia cognata e i miei nipoti, e non sono più tranquillo. Quando si parla di sicurezza in Italia, la politica dovrebbe pensare anche alla nostra, di sicurezza, non solo a quelli degli italiani». (Mamadou Sall, sindacalista a Firenze)

Altre letture correlate:

X