Sudan – Bashir cerca alleanze in Egitto

di Enrico Casale
Sudan-il-regime-di-al-Bashir-alle-prese-con-le-proteste
Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

Inni nazionali, bandiere e tappeti rossi… Omar al-Bashir ha ricevuto gli onori ufficiali, durante la sua breve visita in Egitto. Il presidente sudanese si è recato al Cairo per trovare sostegno internazionale in un momento in cui il suo Paese è scosso da violente proteste che chiedono le sue dimissioni.

Il presidente Omar al Bashir ha affermato di aver cambiato il suo atteggiamento nella disputa tra Egitto ed Etiopia sulla distribuzione delle acque del Nilo. Se originariamente aveva sostenuto Addis Abeba (che ha costruito una grande diga sul Nilo Azzurro), oggi Bashir si è detto disponibile a lavorare con l’Etiopia affinché Egitto e Sudan abbiano la loro giusta quota di acque del Nilo.

In cambio, Bashir ha chiesto il sostegno politico dell’Egitto di fronte alla sfida che il suo governo sta affrontando in questo momento. Nel corso di una conferenza stampa, il presidente sudanese ha denunciato la mano di agenti stranieri nelle manifestazioni che scuotono il suo Paese. «C’è un problema in Sudan, non possiamo negarlo – ha dichiarato -. Ma non ha la scala e le dimensioni fornite dai media. Questo è un tentativo di replicare in Sudan quella che è stata chiamata “Primavera araba”».

L’Egitto, insieme al Qatar, è anche uno dei pochi paesi ad aver sostenuto Omar al-Bashir di fronte alle richieste di dimissioni dei manifestanti. Le autorità egiziane parlano ancora di forti relazioni tra Egitto e Sudan. Resta però da vedere se questo sostegno rimarrà così solido in caso di un grave deterioramento della situazione in Sudan.

Altre letture correlate:

X