Malawi, il presidente verso la riconferma

di Enrico Casale
Peter Mutharika

Nelle elezioni in Malawi, il presidente Peter Mutharika è davanti ai suoi rivali dopo lo scrutinio del 75% delle schede. Il 78enne Mutharika ha ottenuto finora il 40% dei voti rispetto al 35% del principale leader dell’opposizione, Lazarus Chakwera, e al 18% del vicepresidente Saulos Chilima.

«È eccellente, i risultati rispondono alle nostre attese e alle nostre previsioni, ma certamente non siamo così ingenui da festeggiare prima che l’ultima scheda sia stata scrutinata», ha detto, all’agenzia di stampa Afp, Ben Phiri, responsabile della campagna del Partito democratico progressista di Mutharika (Dpp).

Mercoledì, Chakwera aveva avvertito che non avrebbe accettato risultati falsati e aveva affermato che, secondo il conteggio del suo Partito del Congresso del Malawi (Mcp), era lui al comando.

Il Malawi ha un sistema in cui chiunque ottenga anche solo la maggioranza relativa viene eletto, senza quindi che si tenga un ballottaggio.

Il presidente Mutharika è in lizza per un secondo mandato contro Lazarus Chakwera e Saulos Chilima. La corruzione è un grosso problema e la polemica sui politici corrotti ha dominato tutta  la campagna elettorale, con l’opposizione che sosteneva che è peggiorata da quando Mutharika è diventato presidente cinque anni fa. Lo stesso Mutharika è stato coinvolto in un presunto scandalo di corruzione, ma è stato autorizzato a ricandidarsi dall’organismo anti-corruzione del Paese. Secondo l’accusa, il capo dello Stato avrebbe ricevuto quasi 4 milioni di dollari da un uomo d’affari coinvolto in una controversia con la polizia del Malawi. Il denaro sarebbe stato trovato in un conto bancario intestato al solo presidente. Mutharika ha sempre negato qualsiasi illecito e ha restituito i soldi.

Altre letture correlate:

X