Le radici del razzismo spiegate da Marco Aime

di Luciana De Michele

Classificare, separare, escludereI drammatici eventi avvenuti negli Stati Uniti riportano all’attualità il dibattito su questioni come l’odio razziale  e il concetto di “razza”.  Nonostante sia stato dimostrato quanto tale categoria sia priva di basi scientifiche, continua ad essere presente nella nostra società: dietro a vari tipi di più o meno sofisticati razzismi, celati nell’odierno concetto di “identità culturale”. Ne parliamo con l’antropologo Marco Aime, autore del libro Classificare, Separare, Escludere. Razzismi e identità (Einaudi, febbraio 2020).

Condividi

Altre letture correlate: