Diga sul Nilo, se ne parla all’Onu

di Enrico Casale
Diga del grande rinascimento etiope
Tempo di lettura stimato: 2 minuti

La disputa tra Egitto, Etiopia e Sudan sulla Grande diga del rinascimento arriva sui banchi del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Lunedì è convocata una riunione ad hoc per discutere le obiezioni di Egitto e Sudan sul mega sbarramento che l’Etiopia sta realizzando sul Nilo azzurro. La videoconferenza, che sarà pubblica, è stata convocata dagli Stati Uniti su sollecitazione dell’Egitto, secondo le fonti.

La costruzione dello sbarramento, un progetto da 4,6 miliardi di dollari, è ormai completata per oltre il 70%. Sin dalla sua progettazione, l’opera ha rappresentato una fonte di forti attriti tra i tre Paesi che si affacciano sul bacino del Nilo. Un decennio di colloqui non ha portato risultati, tanto che la scorsa settimana l’Egitto si è rivolto al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.

Il vero nodo della questione è fino a che livello sarà riempito il bacino creato dalla diga e quanta acqua verrà rilasciata nelle diverse stagioni.  L’Etiopia vuole iniziare a riempire il bacino idrico di 145 metri già a luglio. Egitto e Sudan si oppongono perché i flussi idrici si ridurrebbero e metterebbero in crisi l’approvvigionamento idrico per le persone e le imprese.

Il Paese nordafricano, che dipende quasi interamente dal fiume per le sue forniture di acqua dolce, intende raggiungere un accordo legalmente vincolante che garantisca flussi minimi e un meccanismo per risolvere le controversie prima della messa in funzione della diga. In una lettera inviata ieri al Consiglio di sicurezza dell’Onu, il governo del Sudan ha avvertito che la vita di milioni di persone sarebbe messa in pericolo se l’Etiopia proseguisse con i propri piani senza prima addivenire ad un accordo con Khartoum e il Cairo.

Secondo il segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, «l’unica via d’uscita in una situazione come questa è il dialogo tra le parti e come Onu siamo completamente a disposizione delle parti».

Altre letture correlate:

X