Benin, una vicepresidente in arrivo (forse)

di Stefania Ragusa
Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

Mentre non è ancora chiaro quanti candidati correranno per le prossime elezioni presidenziali in Benin, o addirittura se ci sarà qualcun altro oltre al presidente in carica, Patrice Talon (le restrizioni imposte dal nuovo codice elettorale sembrerebbero aver determinato una drastica defluenza alla partecipazione…), ecco farsi sempre più concreta la possibilità che nel ruolo di vice ci sarà una donna. Mariam Chabi Talata Zime, vicepresidente dell’Assemblea nazionale, sarebbe stata scelta da Talon per accompagnarlo nella campagna elettorale verso le elezioni presidenziali dell’11 aprile. La nomina non è stata ufficializzata, ma voci di corridoio e anche di salotto la danno come certa.

Secondo un giornale locale, Zime è stata scelta non tanto perché donna quanto per le sue origini geografiche. Talon è del sud mentre la deputata dell’Unione Progressista è originaria del nord del Paese. E per non fare crescere il partito degli scontenti sembra importante creare (più che mantenere) un opportuno equilibrio politico regionale. Insegnante di filosofia, già direttrice dell’istruzione secondaria presso il ministero dell’Istruzione, Mariam Chabi Talata Zime è sposata a un agronomo ed è madre di quattro figli. La carica di vicepresidente è stata istituita dalla nuova Costituzione del 2019. Presidente e vice devono essere eletti a maggioranza assoluta dei voti in due turni.

Condividi

Altre letture correlate: