Algeria | Arrestato Il fumettista Nime

di Enrico Casale

Il fumettista algerino Abdelhamid Amine, meglio noto come Nime, è stato arrestato. Le autorità lo accusano di aver pubblicato cartoni animati a sostegno dell’attuale ondata di proteste che chiede un cambio di regime. Secondo il Comitato nazionale per i detenuti in libertà in Algeria, un gruppo che aiuta i detenuti politici, i poliziotti hanno fatto irruzione nel suo ufficio a Orano e hanno sequestrato le sue attrezzature.

Nel suoi ultimi lavori, l’ex presidente Abdelaziz Bouteflika viene mostrato come una figura spettrale e il capo dell’esercito Ahmed Gaid Salah è rappresentato mentre «unge» il candidato alla presidenza Abdelamadjid Tebboune.

Questo arresto avviene in un contesto di particolare instabilità. Il 12 dicembre si terranno le elezioni presidenziali. La piazza da mesi contesta questo voto perché ritengono che sia solo un’occasione per rafforzare l’establishment. Dei cinque candidati, due sono ex primi ministri e due ex ministri. Il quinto è stato un alto funzionario del partito Fln, al governo dall’indipendenza.

I manifestanti in Algeria chiedono un boicottaggio fino a quando tutti i candidati non si ritireranno. «È solo un modo per rianimare il regime di Bouteflika con nuovi volti», denunciano. Ancora venerdì, un gran numero di persone sono scese in piazza protestare contro il governo.

Altre letture correlate:

1 commento

Algeria | Arrestato Il fumettista Nime – Rivista Africa – NewReportNews 1 Dicembre 2019 - 09:37

[…] Algeria | Arrestato Il fumettista Nime  Rivista Africa Source link […]

I commenti sono chiusi

X