Al Cairo cresce l’Uber degli autobus

di Matteo Merletto

La vita da pendolare è faticosa dappertutto, ma i disagi cui sono costretti gli abitanti del Cairo sono disumani. A fronte di una densità di veicoli tra le più alte al mondo, i mezzi pubblici sono costosi e inadeguati per la popolazione in continua crescita.

Lo scorso anno Mostafa Kandil, Ahmed Sabbah e Mahmoud Mouh (neanche novant’anni in tre) hanno lanciato un’app per «rimettere il pendolare al centro». Si può prenotare in anticipo un posto in confortevoli minibus, dotati di wi-fi, pagando circa il 60-80% in meno del mercato. «Abbiamo democratizzato il processo di pianificazione dei trasporti grazie a sondaggi in crowdsourcing per aprire le nuove rotte dove c’è più necessità», evidenzia Kandil. SVWL opera su oltre 200 tratte tra il Cairo e Alessandria.

«Il nostro sogno? Mettere a punto un modello che possa funzionare ovunque ci sia traffico nel mondo». Gli investitori danno fiducia: SVWL ha appena raccolto il più grande finanziamento mai ottenuto nel Paese: 8 milioni di dollari. Che consentiranno un importante salto dimensionale.

Sito web: swvl.io

(Martino Ghielmi – vadoinafrica.com)

Altre letture correlate:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X