Tanzania, terra di safari fotografici

di Valentina Milani
Tempo di lettura stimato: 2 minuti

La Tanzania è una delle terre africane più solcate dagli amanti dei safari fotografici. Caratterizzata da una varietà faunistica incredibile, ospita numerosi parchi nazionali, ognuno dei quali si distingue per caratteristiche e peculiarità differenti.

Il Parco Nazionale del Serengeti è una delle riserve naturali più famose del mondo dove vivono, in totale libertà, più di 3 milioni di grandi mammiferi. ‘Serengeti’ significa ‘terra senza confini’ e il nome corrisponde alla realtà: distese infinite di savana dove si possono avvistare animali incredibili, oltre che una vegetazione mozzafiato.

A circa 130 km da Arusha, situato alla base della grande scarpata della “Rift Valley”, si trova il Parco Nazionale del lago Manyara che è noto per essere popolato da numerosi bufali, scimmie blu, elefanti, ippopotami e impala. Offre la possibilità agli amanti del birdwatching di avvistare pellicani, cicogne e flamingo. Nella parte più meridionale del parco sgorgano sorgenti di acque calde sulfuree chiamate Majimoto.

Il Parco Nazionale di Tarangire è collocato a sud est del Parco Nazionale del lago Manyara. Il periodo migliore per visitarlo è tra giugno e settembre quando migliaia di animali emigrano dalle steppe disseccate dei Masai verso il fiume Tarangire in cerca di acqua.

Il Parco Nazionale di Arusha, spesso descritto come la perla d’Africa, si distingue per tre principali spettacoli della natura: i crateri Meru e Ngurdoto e i laghi di Momella. Abitate da un elevato numero di specie di uccelli, sia migratori che permanenti, queste terre sono l’ideale per gli amanti del birdwatching.

Nella Riserva  Nazionale del Ruaha vive invece una delle popolazioni di elefanti più numerose della Tanzania. A dare il nome al parco è il fiume Ruaha che scorre lungo l’intero confine orientale creando scenari spettacolari: tra gole e insenature è possibile ammirare coccodrilli e ippopotami che riposano su grandi rocce in mezzo all’acqua. Meno turistico rispetto ad altre riserve, è la meta ideale per gli amanti della tranquillità tipica della natura incontaminata.

E dopo aver attraversato distese di savana alla ricerca dei maestosi animali africani, questo meraviglioso Paese offre la possibilità di prendere un volo interno e raggiungere Zanzibar, regione semi-autonoma della Tanzania, geograficamente corrispondente all’arcipelago omonimo, che vanta spiagge di fine sabbia bianca e mare cristallino.

(Testo e foto Valentina Giulia Milani)

Altre letture correlate:

X