Somalia – Ambasciata Usa riapre dopo 28 anni

di Marco Simoncelli

Gli Stati Uniti hanno ufficialmente annunciato oggi la riapertura della propria ambasciata a Mogadiscio, chiusa nel 1991, dopo che Washington aveva già ristabilito la propria presenza diplomatica permanente nella capitale somala nel dicembre 2018 con la Missione Usa in Somalia.

L’annuncio, come riportato da askanews, arriva a due giorni dall’attacco messo a segno dai jihadisti somali Shebab alla base somala di Ballidogle, usata dalle truppe americane per addestrare le forze speciali somale e per lanciare operazioni con droni. L’attacco ha causato il ferimento di un militare americano ed è stato seguito da un attacco aereo Usa, che ha causato la morte di 10 jihadisti, stando a quanto reso noto dal Comando Usa in Africa (Africom). Gli Stati Uniti contano tra 650 e 800 militari nel Paese del Corno d’Africa.

In una nota oggi Washington si è detta “orgogliosa di annunciare il ristabilimento dell’ambasciata”, sottolineando che anche dopo la “chiusura del 5 gennaio 1991 gli Stati Uniti hanno continuato a collaborare con il popolo somalo”.

“È un giorno importante e storico che rispecchia i progressi fatti dalla Somalia negli ultimi anni, e un altro passo avanti per regolarizzare l’impegno diplomatico americano a Mogadiscio dopo il riconoscimento del governo federale somalo nel 2013”, ha detto l’ambasciatore Donald Yamamoto.

Altre letture correlate:

X