Ruanda, scoperta enorme fossa comune

di Enrico Casale
genocidio in ruanda
Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

Le autorità locali, i residenti e Ibuka, un’organizzazione ombrello di associazioni di sopravvissuti al genocidio ruandese, hanno dato il via alla riesumazione di 5.000 vittime delle violenze in una fossa comune nel distretto di Gatsibo, Ruanda orientale.

L’esumazione della fossa comune recentemente scoperta nel settore di Kiziguro secondo le testimonianze dei sopravvissuti al genocidio è iniziata martedì e potrebbe richiedere tre settimane, ha detto in un’intervista telefonica il sindaco del distretto di Gatsibo Richard Gasana.

Si stima che la fossa, che sarebbe stata scavata negli anni Settanta per l’approvvigionamento idrico, fosse profonda 30 metri, ha detto Gasana, aggiungendo che l’esumazione era stata ritardata per preparare all’evento i parenti delle vittime.

Le autorità e Ibuka hanno chiesto ai ruandesi di fornire informazioni che potrebbero aiutare a identificare fosse comuni segrete delle vittime del genocidio per farsi avanti. Resti delle vittime del genocidio vengono ancora scoperti in molte parti del Paese oltre due decenni dopo il genocidio che ha fatto oltre un milione di vittime, principalmente tutsi. Secondo la Commissione nazionale per la lotta al genocidio, tra il 2018 e il 2019, sono stati scoperti i resti di 118.049 persone in 17 distretti.

Condividi

Altre letture correlate: