Mozambico, sale il bilancio delle vittime di Kenneth

di Enrico Casale
mozambico ciclone Kenneth
Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

È salito a 38 morti il bilancio, ancora provvisorio, del ciclone Kenneth, che si è abbattuto sul Nord del Mozambico (tra Pemba e Mocimboa) la scorsa settimana, il secondo che ha colpito il Paese africano in un mese dopo Idai, che aveva causato un migliaio di vittime tra Mozambico, Malawi e Zimbabwe.

Kenneth, dopo aver colpito le isole Comore, si è abbattuto a partire dal 25 aprile sul Mozambico, flagellando la costa settentrionale con venti tra i 220 e i 280 km orari, radendo al suolo interi villaggi e portando piogge di intensità torrenziale.

I soccorsi stentano ad arrivare per via dei terreni alluvionati e perché gli aeroporti sono stati chiusi e i voli restano a terra. Un bilancio che tuttavia avrebbe potuto essere ben peggiore se non fossero state sgomberate dalle loro abitazioni decine di migliaia di persone nell’imminenza dell’arrivo del ciclone.

Altre letture correlate:

X