Medicinali falsi. Migliaia di vittime ogni anno in Africa

di Marco Simoncelli
Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

Decine di migliaia di persone continuano a morire ogni anno nel continente africano a causa dei medicinali finti o contraffatti, come rivela uno studio finanziato dall’Unione Europea e pubblicato la scorsa settimana.

Circa la metà dei medicinali falsi o di bassa qualità segnalati dall’Organizzazione mondiale della Sanità (Oms) tra il 2013 e il 2017 sono stati trovati nell’Africa subsahariana. Un dato confermato anche dall’Interpol e l’Institute for Security Studies.

“I contraffattori si approfittano dei paesi poveri molto di più rispetto a quelli ricchi con una penetrazione 30 volte superiore nelle catene di approvvigionamento” si legge nello studio, come riportato dalla Reuters.

Nella regione subsahariana i medicinali anti-malarici scadenti o falsi causano la morte di un numero di persone che varia tra i 64 mila e i 158 mila ogni anno, rivelano gli studiosi.

Secondo le stime dell’Oms, il mercato mondiale di medicinali contraffatti ha un valore di 200 miliardi di dollari USD all’anno rendendolo il settore più lucrativo al mondo di merci contraffatte. Una diffusione che sta avendo un effetto devastante, in quanto i medicinali non solo non hanno alcun effetto ma risultano spesso tossici.

Questo mercato illegale è particolarmente diffuso nel continente perché la maggior parte della popolazione non ha i mezzi per acquistare i veri medicinali ed è molto attratta dalle medicine a basso costo che si possono trovare fra i banconi dei mercati cittadini.

I medicinali falsi hanno anche messo in crisi i settori farmaceutici di diversi paesi africani. Può aiutare l’esempio della Costa d’Avorio, dove i medicinali falsi vengono venduti liberamente, dove il commercio legale si è contratto di 30 miliardi di dollari l’anno scorso. Le autorità ivoriane dicono di aver sequestrato oltre 400 tonnellate di medicinali falsi negli ultimi due anni.

Altre letture correlate:

X