Marocco | Torna la fiera dell’arte contemporanea

di Enrico Casale
1 54
Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

La Fiera dell’Arte contemporanea Africana, «1:54», un continente per 54 Paesi, torna per la terza volta a Marrakech. L’appuntamento è alla Mamounia dal 20 al 23 febbraio per l’evento che attrae ogni anno migliaia di visitatori e apre la città all’arte. Oltre 20 gallerie, in rappresentanza di più di 10 Paesi presenteranno 70 tra talenti emergenti o riconosciuti della creatività africana, sia residenti che della diaspora.

Fondata a Londra nel 2013, diffusa due anni dopo a New York e, infine, dal 2018 presentata anche a Marrakech, la manifestazione è diventata un appuntamento di rilievo degli appassionati del settore, che durante i giorni dell’esposizione possono seguire conferenze e tavole rotonde, con artisti, critici e curatori, ma anche progetti che aprono gallerie private, scuole e spazi pubblici della città, come la Fondazione Montresso, il museo Macaal e quello Yves Saint Laurent.

«1:54 Forum» sarà il titolo fil-rouge delle conferenze coordinate da The Showroom, lo spazio privato londinese che ha fatto scuola quanto a coinvolgimento del territorio a nord-ovest del Tamigi. Anche l’edizione 2020 è divisa in due parti, la prima riservata agli operatori e ai collezionisti e dal 22 sarà aperta al pubblico.

Altre letture correlate:

X