Etiopia | Finite le indagini sul tentato colpo di Stato di giugno

di Valentina Milani
Abiy-Ahmed

Il 22 giugno scorso, il Presidente dello Stato Regionale Amhara, in Etiopia, è stato ucciso insieme ad altri due alti funzionari. Poche ore dopo, il Capo di Stato Maggiore dell’Esercito Federale è stato assassinato ad Addis Abeba dalla sua guardia del corpo. Dopo più di cinque mesi di indagini, le autorità etiopi sostengono che il prossimo obiettivo sarebbe stato il Vice capo di Stato Maggiore.

Le indagini sugli assassinii politici di fine giugno sono finite. L’annuncio è stato fatto mercoledì 13 novembre dal ministro federale della Giustizia. Il Procuratore generale ha confermato che si trattava effettivamente di un tentativo di colpo di Stato.

Secondo lui, 110 persone hanno ricevuto una formazione specifica in preparazione per gli attacchi. Sembra che provengano principalmente dalla regione di Amhara ma anche dalla capitale Addis Abeba, e dalle parti meridionali od occidentali del Paese.

La polizia ha sequestrato armi, telefoni cellulari, valuta locale e estera e veicoli. 22 conti bancari sono stati congelati. Un totale di 78 persone saranno incolpate entro la fine della settimana, secondo la televisione ufficiale Fana.

 

Altre letture correlate:

X