Egitto | «Agenzia segreta contro gli oppositori»

di Enrico Casale
carcere egiziano
Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

Amnesty International ha accusato il governo egiziano di aver utilizzato un’agenzia antiterrorismo segreta per incarcerare gli oppositori del governo. Nel suo ultimo rapporto, il gruppo per i diritti umani ha documentato più di 100 casi di attivisti e giornalisti che sono stati arrestati da quando Abdel Fattah al-Sisi è salito al potere cinque anni fa.

L’associazione ha affermato che lo Stato impiega giudici fedeli e forza la legge per soffocare il dissenso politico.

Le proteste a livello nazionale sono state scatenate nel 2014 dopo che Sisi ha guidato il golpe  militare che ha portato alla rimozione del primo presidente democraticamente eletto, Mohammed Morsi.

Altre letture correlate:

I commenti sono chiusi

X