Covid-19 | Guangzhou, sfratto di massa degli africani

di Diego Fiore
Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

Decine di studenti e uomini d’affari africani sono rimasti a dormire per le strade della città cinese di Guangzhou per la seconda notte dopo lo sfratto di massa di cittadini africani da hotel e condomini. Voci diffuse online relative alla diffusione del coronavirus tra le migliaia di africani in città hanno portato a test porta a porta e sfratti. «Non abbiamo casa, niente cibo, niente hotel», ha detto uno studente nigeriano alla BBC, «ci sono ancora fino a 100 persone nelle strade. La gente vuole tornare nei propri Paesi. Non so quale sia il problema con la Cina. Ovunque gli africani vivano ci spingono via».

In una lettera aperta firmata dall’Associazione All African di Guangzhou, i leader della comunità hanno invitato le autorità a porre fine al «trattamento disumano, l’odio e la totale discriminazione degli africani che è attualmente in corso. Circa 10 leader della comunità africana a Guangzhou sono tecnicamente agli arresti domiciliari, anche si usa il termine quarantena. Queste azioni sono difficili da comprendere se si considera il fatto che si tratta di persone i cui risultati dei test ufficiali sono tornati negativi solo uno o due giorni fa».

In una dichiarazione scritta, l’ambasciata nigeriana a Pechino ha dichiarato che il governo federale è ora pronto a evacuare i suoi cittadini dalla Cina. Migliaia di africani sono stati bloccati a Wuhan e nelle città vicine dalla fine di gennaio, quando il Covid-19 ha iniziato a diffondersi. Ieri è arrivata la revoca ufficiale del blocco a Wuhan, che tuttavia non si è applicato a molti studenti internazionali che rimangono ancora confinati nei loro appartamenti. Guangzhou è la patria di una delle più grandi comunità africane della Cina ed è diventata un hub per i commercianti africani che acquistano e vendono merci nel continente.

Condividi

Altre letture correlate:

X