Camerun, frana uccide 42 persone

di Enrico Casale
frana in camerun
Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Almeno 42 persone sono morte in una frana a Bafoussam, nel Camerun occidentale. La tragedia si è verificata nella notte tra lunedì e martedì. Le operazioni di soccorso sono ancora in corso per cercare di trovare i dispersi.

Secondo diverse testimonianze raccolte sul posto, si è udita un’esplosione seguita da una scossa che ha fatto smottare il terreno su un pendio del 15% per circa 300 metri. I residenti ai piedi della montagna, alcuni dei quali si stavano preparando per andare a letto, sono stati colti di sorpresa. Almeno 11 case sono state sepolte e sono dozzine le persone intrappolate.

Secondo una valutazione finale fornita dal sindaco di Bafoussam III, Daniel Ndefonkou, 42 corpi sono già stati estratti dalle macerie, 18 persone sono disperse nell’ultimo bilancio noto. Quattro persone, tra cui tre feriti, sono sopravvissuti per ora.

Le prime operazioni di soccorso sono state organizzate solo ieri mattina a causa delle forti piogge che flagellano la città da diversi giorni e rendono difficile l’accesso alla scena della tragedia. Le operazioni di soccorso sono continuate martedì pomeriggio, ma i pompieri avevano ancora problemi ad accedere al sito.

Questa zona, situata tra due colline, è attraversata da una valle paludosa. «Negli anni precedenti non pioveva così; pioveva prima, intorno al 15 ottobre, ma non così forte» , ha detto il sindaco Daniel Ndefonkou, il quale ha aggiunto che «dobbiamo cercare di spostare le persone altrove, perché lì non si può costruire. Svuoteremo il quartiere».

Il ministro della Decentralizzazione e dello sviluppo locale, che è in città, si è recato sul posto. Ha promesso un aiuto urgente di cinque milioni di franchi Cfa per aiutare lo sfratto e sostenere le vittime. «I primi scambi che ho avuto con le autorità amministrative, il governatore e il prefetto, così come il sindaco – ha detto il membro del governo – mostrano che un certo numero di famiglie vivono qui, adulti e bambini, e che purtroppo, secondo ciò che può essere visto, ci sono poche possibilità che i dispersi siano ancora vive. Noto che c’è stata una rapida reazione da parte delle autorità amministrative. Osservo anche che c’è stata una partecipazione, un contributo spontaneo delle popolazioni di Bafoussam che sono venute in molti a sostenere le vittime di questo incidente. Vivo nella zona da alcuni giorni e noto che piove molto. La mia sensazione è che dobbiamo cercare la causa di questo incidente nella natura del terreno  e nelle forti piogge».

Altre letture correlate:

X