Tinariwen – Amadjar

di Matteo Merletto
Tinariwen Amadjar

Un album nomade, come i musicisti che lo hanno prodotto. Accompagnati da un team di produzione francese dotato di un vecchio camper convertito a studio improvvisato, i Tinariwen partirono dal sud del Marocco puntando su Nouakchott, capitale della Mauritania.

Ogni sera il camper si fermava e i musicisti iniziavano a lavorare sotto le stelle preparandosi per le registrazioni, parlando tra loro e inventando riff di chitarra, pensieri e brani a lungo sepolti. Vicino a Nouakchott la band, raggiunta da Noura Mint Seymali e dal marito chitarrista Jeiche Ould Chigaly, ha registrato i brani sotto una grande tenda in un paio di take live, senza cuffie o effetti.

(Claudio Agostoni)

Altre letture correlate:

X